I Dintorni  
Possibilità di effettuare gite di una o mezza giornata:
   
BRIATICO

A sud del villaggio le grandi spiagge di Briatico ed il porticciolo con l'antica torre di avvistamento.
Caratteristica di Briatico è la suggestiva torre quadrangolare detta La Rocchetta. La torre, oggi diruta, sorge sulla riva del mare, in una delle zone più belle della costa tirrenica. Costruita nel XIII secolo, la torre fa parte del sistema di difesa costiero che costituiva un baluardo contro le incursioni saracene. A circa 100 metri dalla costa, accanto all'antica peschiera Romana, sorge la torre di S.Irene, costruita dal governo spagnolo nel XVI secolo. Il paese nuovo è stato ricostruito sul litorale del Vibonese, sulla riva del torrente Murria, in seguito al disastroso terremoto del 1783 che distrusse il vecchio abitato.

In località Sant'Irene, piccola baia a sud di Briatico, vi è uno scoglio detto 'a Galera, dove sono ancora visibili delle cavità a forma di cellette comunicanti. Erano le vasche per la pesca del tonno, ma si dice che qui venissero un tempo legati i galeotti. Con l'alta marea lo scoglio viene ricoperto dalle acque, lasciando facilmente immaginare la sorte dei poveri disgraziati legati in quelle "prigioni" così singolari. Si narra di un re che condannò sua figlia a queste macabre celle, rea di aver concesso il suo amore ad un giovane non gradito alla famiglia (Fonte: proloco)

Scoglio della Galera


PIZZO CALABRO

Castello Murat

Piedigrotta

Eretto nella seconda metà del XV secolo da Ferdinando I° d’Aragona, il castello di Pizzo ha due torrioni cilindrici angolari, dei quali la torre grande, detta torre mastra, è di origine angioina (1380 circa).

 

TROPEA

Nella pittoresca Tropea

 
Monastero S. Maria dell'Isola

grotta S. Maria Dell'Isola

il duomo

Il Duomo di Tropea è un edificio a pianta basilicale su tre navate con pilastri prismatici in pietra e conci policromi, come da tradizione del Romanico siculo-normanno, eretto nel XII secolo su di un ex cimitero bizantino (Fonte: www.prolocotropea.eu)

 

 

 

A CAPO VATICANO a sud di Tropea, altre bellissime spiagge bianche con scogliere.


VIBO VALENTIA

DUOMO DI VIBO VALENTIA

Castello Normanno Svevo

REGGIO CALABRIA

BRONZI DI RIACE

 

Visita al museo civico di Reggio Calabria (circa 110 km) per ammirare i famosi Bronzi di Riace.


Le due sculture furono ritrovate nel mare Ionio, a 300 metri dalle coste di Riace in provincia di Reggio Calabria, nel 1972. L’eccezionalità del ritrovamento fu subito chiara, date le poche statue originali che ci sono giunte dalla Grecia. Furono trasportate a Firenze dove fu curato il restauro presso l’Opificio delle Pietre Dure, uno dei più specializzati laboratori di restauro del mondo. Nel 1980 furono esposte in una mostra, che ebbe un successo eccezionale, e quindi trasportate nel museo archeologico di Reggio Calabria dove sono tuttora esposte (FONTE: www.francescomorante.it).

Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria
Piazza De Nava, 26  
89122 - Reggio di Calabria (RC)


SERRA S. BRUNO

Visita all'antico Monastero di Clausura. Possibilità di acquistare alcune specialità di prodotti tipici.


CATANZARO
- (SERSALE)

Sentiero dell’acqua e cascata Campanaro (22m), cascatelle e gole del Crocchio. 

La Cascata Campanaro è situata in una delle zone più incontaminate della regione, ma allo stesso tempo facilmente raggiungibile con qualsiasi mezzo. La cascata, alta circa 22 metri, è immersa in uno scenario paradisiaco, abbellito dal colore straordinario della roccia che fa da sfondo al salto dell’acqua e arricchito dalla presenza di due felci tropicali molto rare, che fanno assomigliare il sito ad un angolo di foresta equatoriale: la Felcetta lanosa e la Pteride di Creta.

Le Gole del Crocchio, nel tratto montano dell’antico fiume Arocha, si possono ammirare dall’alto di una panoramica balconata in legno che sovrasta il corso selvaggio del torrente. Qui, tra l’altro è possibile ammirare la Felce regale, preziosa e rara pianta di antichissima origine e di alto valore botanico (Fonte: www.vallicupe.it)
.



LA SILA CON I SUOI LAGHI
:
A 1300 metri di altitudine per godere di aria fresca e pulita in una immensa pineta.

Camigliatello Silano è una località montana del comune di Spezzano della Sila (CS) ed è situato a 1.300 metri di altitudine. Dispone di un moderno impianto di risalita e di due piste da sci(1 blu e 1 rossa), ed è una delle località silane a maggiore vocazione turistica, durante tutte le stagioni e soprattutto d'inverno.
A Camigliatello si trova la chiesa dei Santi Roberto e Biagio.
Il principale nucleo urbano del villaggio, si trova all'interno del Parco Nazionale della Sila, dove tutto l'anno si possono ammirare gli animali presenti e fare passeggiate nei percorsi dei boschi silani, mentre numerose altre piccole frazioni sviluppatesi lungo la strada che dal villaggio porta al Lago Cecita, facenti tutte parte del complesso turistico di Camigliatello, sono al di fuori dei confini del Parco.
Il lupo della Sila resta l'icona di questa località e della squadra di calcio del Cosenza Calcio 1914.


ISOLE EOLIE

Nelle vicine Isole Eolie con motonave giornaliera dal porto di Vibo Marina o Tropea, con possibilità di transfert da Porta Azzurra;

 

 

 

 

 

 

 

(Fonte: www.eoliearcipelago.it)

Proclamato nel 2000 dall'Unesco Patrimonio culturale dell'umanità, l'arcipelago delle Eolie è formato da sette isole: Alicudi, Filicudi, Lipari, Panarea, Salina, Stromboli e Vulcano. Tutte e sette sono delle isole di origine vulcanica, ma solo i vulcani di Stromboli e Vulcano sono ancora attivi. Nelle altre isole, comunque, si manifestano ancora caratteristiche attività vulcaniche come le fumarole. Il centro più grande dell'arcipelago è Lipari, che dista 24 miglia dalla costa siciliana: lo è sia per dimensioni del territorio (37,6 chilometri quadrati di superficie) che per numero di abitanti (intorno ai 9 mila). L'isola, i cui abitanti vengono chiamati liparesi o liparoti, è divisa in sei zone (Lipari centro, Piano Conte, Canneto, Quattropani, Acquacalda e Porticello) e da essa dipende il resto dell'arcipelago, con l'eccezione di Salina. Lipari può contare su tre porti: Marina Corta per le piccole imbarcazioni, Marina Lunga per le navi e gli aliscafi e Pignataro per le barche da pesca e da diporto. Da sottolineare che, insieme a quello di Salina, si tratta dei soli approdi per la pesca delle Eolie. Nelle altre isole, infatti, i pescatori sono costretti a tenere le barche in secco sulle spiagge per buona parte dell'anno. Da sottolineare, infine, la suggestiva vista dell'arcipelago dalla vetta di Monte Chirica, che con i suoi 602 metri dal livello del mare è la cima più altra di Lipari (Fonte: www.regione.sicilia.it).

 STROMBOLI

stromboli

VULCANO

vulcano

LIPARI (località Canneto)

lipari

 

Ulteriori itinerari, su richiesta, verranno indicati all'arrivo.